Bild zur Schweizerischen Gesellschaft für Hotelkredit

Attivazione del potenziale residenze secondarie

21. 04. 2016

Il progetto nasce in seguito all’approvazione popolare dell’iniziativa Weber e alla constatazione che nelle Valli dell’Alto Ticino sono sempre di più gli edifici vetusti, sfitti o sottoutilizzati e le strutture alberghiere in uno stato non ottimale. L’idea è di creare una rete di camere "private" e di appartamenti disponibili per l’affitto per vacanze, così che il turista possa essere ospitato nelle abitazioni secondarie o in edifici attualmente sottoutilizzati. Ciò per permettere l’attivazione del potenziale di utilizzo delle residenze secondarie all’interno delle zone edificabili e nei nuclei attraverso la collaborazione di vari attori e trasformare i letti freddi in letti caldi.

Per il suo concetto innovativo, il progetto promosso dall’Ente regionale per lo sviluppo del Bellinzonese e Valli (ERS-BV) con la stretta collaborazione del Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) e della Società svizzera di credito alberghiero (SCA), è stato selezionato dalla Confederazione nell’ambito dei “Progetti modello Sviluppo sostenibile del territorio 2014-2018”.

Relazione finale (5.4MB)